Home Page del Comune Clicca per approfondimenti

Clicca per visualizzare la guida alla navigazione
 
 

TERRITORIO

 

in evidenza

 

Risorse

 

 

Proverbi
Testi a cura del dott. Enrico Balla  maggiori info autore
Insieme ai proverbi di chiara origine locale ho voluto riportare, investendoli di una funzione di caratterizzazione del linguaggio popolare e di insegnamento, anche quelli che in forme simili sono conosciuti e citati un po' dovunque. I proverbi, per il loro contenuto derivante dall'esperienza e dal buon senso, possono costituire una specie di codice da consultare per i più diversi scopi e da citare nelle più varie occasioni. 
 
Essi attengono ai temi più eterogenei e si possono riferire ad affermazioni di origine morale, a norme di comportamento o igieniche, a regole giuridiche, alle previsioni meteorologiche, alle prescrizioni agricole, ai difetti o ai pregi delle donne e degli uomini e cosi via. E senza dubbio, nei tempi andati, quando pochi sapevano leggere o scrivere, essi rappresentavano l'insegnamento più incisivo e di più facile apprendimento che le masse potessero ricevere dai loro padri e dai loro saggi. Certo, non mancano proverbi che racchiudono formule di comodo o di contenuto scherzoso ma, in generale, si può affermare che la loro principale funzione è di ordine moraleggiante ed istruttiva. 
  
Qui di seguito riporto quelli più interessanti ed ameni.
l) Addo ci sta gustu, 'on ci sta perdenza. 
Dove c'e gusto, non c'è perdenza. 
2) Addo 'on te tocca, 'on mette occa. Non immischiarti nelle cose altrui.
Dove non ti tocca non metter bocca. 
3) Alla iatta 'on se nzenga la via 'ella dispenza. 
Alla gatta non si insegna la via della dispensa. 
4) Alla orba i piace u pullaru. 
Alla volpe piace il pollaio. 
5) A chi è scanzafatica, 'gni vanga i fa fatica. 
A chi è scanzafatica, ogni vanga gli fa fatica. 
6) Amicizia e iornata, subbitu scordata. 
Amicizia di giornata, presto scordata. 
7) A taula e a lettu, senza rispettu. 
A tavola e a letto, senza rispetto. 
8) Amnazza, amnazza, è tutta na razza. 
Ammazza, ammazza, è tutta una razza. 
9) Acqua d'abbrile, gni goccia nu barile. 
Acqua di Aprile, ogni goccia un barile. 
10) A San Martinu, rapri la otte e assaggia lo vinu. 
A San Martino, apri la botte e assaggia il vino. 
11) A tuttu se remedia, forché alla morte. 
A tutto si rimedia, fuorché alla morte. 
12) Alla chiesa vacce, alla legge stacce. 
Alla chiesa vacci, alla legge soggiaci. 
13) Attacca l'asena addo ò u padrone. 
Lega l'asino dove vuole il padrone. 
14) Arcubalenu de mmatina, u munnu se fina. 
Arcobaleno di mattina, il mondo finisce. 
15) Arcubalenu de sera, beju tempu se spera. 
Arcobaleno di sera, buon tempo si spera. 
16) A vello che vidi criice pocu, a vello che senti on ce crée pe' gnente. 
A quello che vedi credici poco, a quello che senti non crederci per niente. 
17) Bella faccia, u core allaccia. 
Bella faccia, il cuore conquista. 
18) Chi 'ella robba 'e gli atri se veste, prestu se sveste 
Chi si veste della roba degli altri, presto la toglie. 
19) Chi va a caccia senza cani, rencasa senza lepiri. 
Chi va a caccia senza cani, torna a casa senza lepri. 
20) Cunsigliu 'e vecchiu e forza 'e giovane. 
Consiglio di vecchio e forza di giovane. 
21) Chi tè i quattrini costruisce, chi ne té di più rifinisce, chi 'on gli tè disegna. 
Chi possiede quattrini costruisce, che ce ne ha di più rifinisce, chi non ce n'ha disegna.
22) Chi vò, va; chi 'on vò, manna.
Chi vuole va, chi non vuole manda. 
23) Chi compra quanno 'on pò, venne quanno 'on vò. 
Chi compra quando non può, vende quando non vuole. 
24) Chi 'm'occa tè lo fèle, on pò sputa lo mèle. 
Chi in bocca ha il fiele, non può sputare miele. 
25) Cogli matti 'on se fau patti. 
Con i matti non si fanno patti. 
26) Chi tè prescia, s'ascìe. 
Chi ha fretta, si sieda. 
27) Chi moglie 'on tè, moglie mantè. 
28) Chi non ha moglie, mantiene altra donna. 
28) Chi va pianu, va sanu e va lontanu. 
Chi va piano, va sano e va lontano. 
29) Chi va forte, va ncontro alla morte. 
Chi va forte, va incontro alla morte. 
30) Chi è bruttu, è pure disgraziatu 
Chi è brutto, è pure disgraziato. 
31) Comme me soni, te ballo. 
Come mi suoni, ti ballo. 
32) Chi te da fa 'on dorme. 
Chi ha da fare, non dorme. 
33) Chi se scusa, s'accusa. 
Chi si scusa, s'accusa. 
34) Nebbia bassa, acqua 'on passa. 
Nebbia bassa, l'acqua non passa. 
35) Nebbia bassa, conme tròa lassa.
Nebbia bassa, come trova lascia. 
36) 'On fa bene agli micchi ca se nne scordanu, 'on fa bene agli vecchi, ca se moru; 
Non far del bene ai bambini perché se ne scordano, non farlo ai vecchi perché muoiono. 
37) Pacienza vita mea se paghi pena, scunti pe' quanno si fattu vita bbona. 
Pazienta vita mia se soffri, sconti per quando hai fatto vita buona. 
38) Patti chiari, amicizia longa. 
Patti chiari, amicizia lunga. 
39) Più ce pensi e più ce mitti. 
Più ci pensi e più ci metti. 
40) Parlà senza pensà, e comme sparà senza mirà. 
Parlare senza pensare e come sparare senza mirare. 
41) Pane 'e iornata e vinu 'e annata. 
Pane di giornata e vino d'annata. 
42) Vigli che ballanu senza soni, o so matti o so mbriacuni. 
Quelli che ballano senza suoni, o sono matti o sono ubriaconi. 
43) Vello che se fa la notte, se vede la dì appressu. 
Quello che si fa la notte, si vede il giorno dopo. 
 
 

Territorio

 
 


Team sviluppatori
| Grafica e Redazione | Copyright